giovedì 17 novembre 2016

Ruggisci portiere!


"Il mondo del portiere è fatto di piccoli dettagli, un pallone e una porta. Due pali e una traversa che racchiudono un pezzo di cielo da proteggere. Quello spicchio di cielo dove brillano i sogni non solo del portiere ma di una squadra. Lui, il portiere, ogni volta che scende in campo protegge quello spazio per sé e per tutti gli altri. A volte ci riesce, a volte no. In ogni caso le sue mani si trasformano in artigli, gli stessi artigli con cui il leone difende il suo branco. Ogni suo gesto é un ruggito fatto di una passione singolare. Perché il portiere è uno. Egli è sempre e per sempre il numero 1 che porta impresso a caratteri d'oro sulla sua anima. Vola portiere, ruggisci. E non dimenticare mai che sei ricco della tua belligerante dignità". 


lunedì 7 novembre 2016

Prato Stefano: un mister consapevole

Da un post scritto da Prato Stefano sul suo account di Facebook: 

Per conoscere un giovane è necessario guardarlo, ma guardare un giovane non è facile...
I nostri occhi spesso guardano solo ciò che sanno vedere.
' ISTRUIRE ' i nostri occhi in favore dei giovani non è mai abbastanza.
#responsabilita' #rispetto #pazienza #studio



Queste parole per una Psicologa dello Sport come me, che investe prima di tutto sulle emozioni, che crede nel ruolo dell'allenatore ma sostiene che la formazione debba partire dal profondo, ciò che Prato Stefano ha scritto è come una cometa...

Dopo aver letto questo post che ha scritto gli rispondo così:
"Per me tu sei un grande maestro Prato Stefano! Sei l'esempio di ciò che accade quando un mister sta bene con se stesso, e di conseguenza riesce a vedere nitidamente i suoi allievi e non come la proiezione delle sue emozioni. A volte gli allievi più scontrosi, con cui non si riesce a stabilire un buon rapporto, sono quelli che ci ricordano i nostri difetti e le nostre solitudini... Stefano tu sai accogliere e comprendere tutti i tuoi allievi perché sei in pace con te stesso e quindi capace di emanare un'energia talmente positiva da veder realizzare i sogni e gli obbiettivi che fortemente desideri. E noi che ti seguiamo con affetto e stima abbiamo assistito a questo. Per tutto ciò ai miei corsi io ti porto come esempio. Perché il mister, il preparatore dei portieri, deve investire su di sé prima di tutto. Deve investire sulle emozioni. Come fai tu".

Così mi ha risposto il Mister su Facebook:
"Isabella sono senza parole. Mi hai scritto delle frasi bellissime, fossi qui vicino a me ti darei un bacio, mi hai letto l'animo. 
Le emozioni sono alla base di ciò per cui lavoriamo, sono il motore che ci spinge follemente ... L'emozione per cui lavoro e lotto da sempre è il condividere il campo con giovani soddisfatti per ciò che sono e per quanto fanno, è riuscire a leggere la felicita nei loro occhi nel sentirsi pienamente protagonisti dei propri cambiamenti. 
Possono apparire sciocchezze a chi vive il mondo giovanile con superficialità, ma non è così, ricordiamo sempre che un giovane non deve essere mai visto come un vaso da riempire bensì come una fiaccola da accendere, le vere emozioni nello sport sono queste, partono da qui. 
Grazie Isabella sei una vera Amica, un grande abbraccio ❤️"

Ecco cosa intendo quando parlo di mister consapevole. Chi non investe sulle emozioni, investe sulla fortuna, sul caso, perché tutto è in balia di tutto. È come un pittore che decidere di esprimere il suo talento impugnando il pennello ed iniziando a calcare la tela ad occhi chiusi.



sabato 22 ottobre 2016

Il calcio lo facciamo noi

Nelle mie famiglie sportive c'è anche il Segni Calcio... con il suo campo immerso nella natura dove, nel silenzio, un preparatore dei portieri e il suo allievo mostrano le fattezze di un legame totale fatto di sintonia, empatia e passione. 


Il calcio è anche questo. Non è solo esasperazione per il risultato, business, cieca ambizione. Il calcio è fatto di momenti di magia, quella semplice, quella fatta di magliette piegate e pronte per le partite che si disputeranno il sabato, di ragazzi che, dopo l'allenamento si fermano al bar del centro sportivo per farsi una partita a carte, di allenatori che ti accolgono con la gioia con cui si apre la porta di casa agli amici perché, da psicologa dello sport, rappresenti i sentimenti e le emozioni e loro hanno voglia di riflettere sul loro modo di relazionarsi agli allievi, di fare bene il loro compito di educatori. Ieri pomeriggio insieme a tutti i componenti del Segni Calcio sono stata bene ed ho vissuto uno di quei momenti in cui mi riempio di energia e mi ostino ancora di più a sostenere questo sport tanto bello che ha bisogno di depurarsi dalle brutture e dalle esasperazioni che non appartengono a lui, ma a noi esseri umani. Perché di per sè il gioco del calcio è poesia, come quella di una Scuola Calcio avvolta nell'aria fresca che sa di montagna e nella generosità della gente vera.

giovedì 13 ottobre 2016

Bambini che sembrano ingestibili. Come deve comportarsi ilmister?


Ci sono bambini appartenenti alle categorie Piccoli Amici (5 anni) e Primi Calci (6-7 anni) che in un gruppo di piccoli "Soli splendenti" egocentrici e vivaci, convinti che il mondo giri attorno ad ognuno di loro, sembrano seguire un'altra orbita.... 
E mentre tutti calciano nel loro individualismo cadenzato all'unisono, loro tirano lontano il pallone e poi corrono a prenderlo, oppure prendono una manciata di gommini e li lanciano in faccia ad un compagno intento a manovrare con i suoi piedini una palla che volteggia briosa! L'istruttore, immerso in una vivacità dalle mille sfumature spesso dopo un po' non sa più cosa fare perché la sua pazienza e la sua estrema attenzione a gestire tutti i bambini, e in particolare quelli che fanno supporre che ci sia in loro una problematica non rivelata dai genitori, si esaurisce fisiologicamente.

Cosa fare a questo punto? 
In certi casi ribadisco quello che affermo sempre parlando con i mister: dire cosa fare non risolverebbe nulla. Invece è importante comprendere cosa essere. Si, cosa essere, chiedersi quali reazioni stimola quel bambino su di noi, se si tratta di rabbia, tenerezza, nervosismo. Poi chiedersi, perché quel bambino suscita in noi certe reazioni e se assomigliano alle stesse reazioni che abbiamo nei confronti di noi stessi quando sbagliamo qualcosa, quando abbiamo l'impressione di essere inadeguati o di non piacere a qualcuno o quando abbiamo avuto l'impressione da bambini di non essere apprezzati. 
A volte i bambini cosiddetti "ingestibili" sono bambini che AL MOMENTO hanno una difficoltà da risolvere, che può essere di natura cognitiva, emotiva, relazionale, sono bambini che potrebbero subire un conflitto familiare senza riuscire a tollerarlo, sono bambini osteggiati a scuola per la loro vivacità. Sono bambini in qualche modo non accolti, proprio come ognuno di noi spesso non accoglie, senza rendersene conto, i propri difetti, i propri limiti, le delusioni subite, lo smacco di persone affettivamente importanti. Quei bambini sono predisposti a diventare dentro di noi lo specchio di tutto ciò. Lo specchio dei limiti dell'adulto che si relaziona con loro. Anche del mister che li segue in campo, il quale è un essere umano con la sua storia, con le sue ombre e con le sue luci. E siccome gli istruttori della scuola calcio si avvalgono di una luce speciale, quella della passione, ai miei cari istruttori dico di affidarsi a quella luce e abbracciare quel bambino, tenerselo vicino dandogli mano, coinvolgerlo nel distribuire i fratini ai compagni o nel mettere a posto i cinesini a fine allenamento. E quando il bambino in questione improvvisamente tirerà un calcio a un compagno con tutta la rabbia che ha dentro, inginocchiarsi a lui in modo che i suoi occhi siano proprio di fronte a quelli del mister per dirgli "fai attenzione la prossima volta" ma dirglielo con tutto l'amore possibile, lo stesso amore infinito con cui, grazie a quel bambino, il mister potrà abbracciare i nostri difetti, i propri limiti, fino a riprenderseli, dopo averli specchiati sul bambino e a tenerli con sé stretti stretti, perché ogni difetto, ogni piega oscura di noi stessi, è una crepa da cui può entrare la luce. Allora agli occhi dell'istruttore apparirà, come per incanto, il bambino che è stato e lo vedrà correre in ogni piccolo allievo che gli schiamazza attorno vivace nella sua meravigliosa fanciullezza.

sabato 8 ottobre 2016

Il portiere e la sua mente

di Roberto Babini e Isabella Gasperini 

Questo articolo è stato pubblicato sulla rivista l'Allenatore Notiziario dell'AIAC

Se ci si pone ad osservare il calcio estrapolandosi dalle azioni di gioco, concentrando invece l’attenzione sui suoi protagonisti, ci si rende conto che il modo in cui vive la gara il portiere è completamente differente da come la affrontano gli altri giocatori. In lui è esaltata la tenacia a non demordere, la freddezza che gli permette di controllare la situazione, perché il portiere è abituato a reagire ai goal subiti, ma anche a non esaltarsi troppo se compie una bella parata, per mantenere intatta la sua concentrazione. Il suo temperamento fatto di vigore, resistenza, solidità emotiva, si forgia nel tempo, si raffina attraverso le esperienze spigolose alle quali egli è sottoposto continuamente. È il risultato di una serie sconfinata di prove negative che è stato costretto a superare se, come portiere, voleva sopravvivere. Proprio come avviene nella sopravvivenza delle razze pregiate in natura, che divengono appunto pregiate perché rare. Tra i pali la mente di chi sceglie di giocare in porta si leviga, il carattere si scalfisce, soprattutto perché si è costretti ad imparare a farsi scivolare addosso gli eventi negativi. E in questo modo ci si rafforza. 
Sapere che le proprie mani sono in grado di bloccare l’azione di un’intera squadra, rende il portiere un grande estimatore di se stesso, e tale elemento soprattutto su un bambino in crescita che sceglie di praticare questo ruolo, può essere fondamentale. Perché i palloni da parare nella vita saranno tanti, e facendo il portiere si possono acquisire delle strategie utili non solo in campo ma nella quotidianità. Tali strategie si assorbono dal fare esperienza di una serie sconfinata di traversie, che iniziano da quando i portieri, da bambini, scendono in campo con i guantoni più grandi di loro e tentano goffi ed impacciati con quei pantaloni imbottiti, di bloccare la palla che continua a volteggiare dietro di loro.



Crescendo, si devono abituare a sopportare eventi a loro sfavore, come le grida esultanti dei genitori dei bambini avversari, nel momento in cui loro sono disperati e vorrebbero piangere perché quel goal subito li fa sentire distrutti, come quando un po’ più grandi, si sentono dire dai compagni che hanno perso la partita, per un goal stupido che ha preso il portiere, o che gli sbagli del portiere sono papere e quelli di loro giocatori sono lisci
Per non parlare dei portieri che si apprestano a praticare l’agonismo, ce la mettono tutta per acquisire la fiducia dei compagni, e sanno che poi basta un episodio negativo per vedersi smontare tutta la stima faticosamente costruita.
Ma se ci si accinge a guardare un portiere in campo a tutto ciò non si pensa, la definizione di questo ruolo che si è strutturata nel tempo, è fondata sulla superficialità di ciò che si osserva, e colui che sta in porta, viene visto semplicemente come un giocatore ai limiti dell’area che all’improvviso entra nella visione del gioco e scompare nel momento che la palla viene rimessa in campo. Di rado egli viene concepito come l’ultimo uomo della difesa di cui fa parte, e se subisce un goal, raramente questo episodio viene letto come un evento di cui tutta la difesa può essere responsabile. Anche i compagni stessi, spesso non si rendono conto che mentre il loro compito, è quello di conquistare e difendere la palla, quello del portiere è ben diverso, visto che consiste nel dominare la meta ambita dagli avversari. Il suo ruolo, attribuisce al portiere un grande senso di responsabilità, perchè egli è cosciente che un suo sbaglio può essere fondamentale per cambiare il risultato. Ciò lo predispone ad essere sottoposto a critiche a volte gratuite ed immeritate, che ledono sulla sua autostima. Questo perchè i giudizi sui suoi interventi, si caratterizzano con facilità dall’assenza di attenuanti. Al portiere nella maggior parte delle situazioni non viene perdonato niente, ed è facile che ci si ricordi di lui soltanto in relazione all’ultimo errore compiuto. Anche se la sua partita risulta impeccabile, prendere un goal all’ultimo minuto, non verrà mai giudicato con lo stesso atteggiamento utilizzato per un attaccante che all’ultimo momento sbaglia un goal davanti alla porta.
Capri espiatori per eccellenza, depositari della rabbia dei tifosi e dei giocatori in ogni caso, in ogni circostanza, perché perdere fa male a tutti e bisogna prendersela con qualcuno, trovare un motivo che spesso nasconde a se stessi la consapevolezza delle vere ragioni di un risultato deprimente. È più facile negare che il proprio figlio o la propria squadra abbia compiuto una prestazione mediocre, e prendersela con il portiere perchè ha parato male. In realtà bisognerebbe invece rendersi conto nel giudicare il gioco compiuto in campo (ma è proprio necessario dover per forza giudicare?), che spesso si perde non perché il portiere non è riuscito a parare, ma semplicemente perché gli altri giocatori non sono riusciti a mettere la palla in porta. È come vedere il bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto, ogni evento può essere letto attraverso una duplice angolatura. E così ogni volta che entra in campo, il portiere si accinge a compiere una sfida verso se stesso e verso gli altri, e ciò richiede molta fermezza e tenacia. Egli gioca per vincere e per scongiurare quindi la sconfitta come tutti gli altri, ma la partita è per lui una sfida dai toni più accesi, perché come un ottimo intervento lo innalza sul podio più alto, rappresentando la negazione dell’esultanza dell’avversario e lo scampato pericolo per il suo gruppo, la palla che entra lo rende inequivocabilmente responsabile della sconfitta di tutti.
L’entusiasmo della sua parata, spesso dura poco, perché per mantenere la concentrazione non può soffermarsi troppo su ciò che gli è ben riuscito. E questo lo distingue enormemente dalle reazioni del compagno che fa goal e che viene festeggiato anche in modo plateale da maglie che si tolgono, da capriole e giri intorno alle bandierine. Il compagno che fa goal concede alla squadra di esplodere la tensione accumulata, quindi dona un momento che carica ogni elemento del gruppo, esperienza che il portiere può sperimentare raramente in relazione ad un suo intervento, giusto ad un calcio di rigore parato ai tempi supplementari. Tuttavia tutte le situazioni negative che sperimenta sulla sua pelle, tutte le critiche che con facilità lo colpevolizzano, lo fanno crescere di più a livello caratteriale, rispetto agli altri giocatori. Accade con una certa frequenza che i portieri riescono a giocare ad ottimi livelli anche dopo i 40 anni, non solo perché fisicamente si logorano meno (pur allenandosi duramente e più volte degli altri) ma anche perchè il loro stato d’animo è meno vulnerabile, visto che sin da piccoli hanno imparato a confrontarsi con situazioni frustranti, come sopportare lo stress di essere sempre attenti e vigili, anche quando il gioco si compie lontano da lui; o mostrarsi resistenti alle prese in giro ed alle pacche di commiato dei compagni che invece di confortare dopo un goal subito tendono a deprimere;o dover mantenere inamovibile la stima in se stessi, pur avendo compiuto in precedenza un errore. Ma soprattutto ciò che rafforza la mente di un portiere è la capacità di tollerare in campo il proprio senso di solitudine, nonostante egli faccia parte di un gruppo. Il portiere deve gestire le sue emozioni da solo, essendo queste diverse da quelle di tutti gli altri: lui protegge la porta, mentre per gli altri la porta è l’elemento da varcare. Il suo abbigliamento diverso, la sua postura, il fatto che il suo lavoro consiste nel muovere sapientemente le mani più che i piedi, lo rendono consapevole del suo essere un’altra cosa, e lui sa che i compagni non possono comprenderlo a fondo, semplicemente perché non sono portieri. La maggior parte delle volte tutto ciò rimane nascosto nell’inconsapevolezza, perché non è evidenziato al gruppo, il portiere non è aiutato ad essere compreso dalla squadra, forse semplicemente perché nella mentalità comune a questo non si pensa. Dagli spalti si segue la partita e l’attenzione in gran parte del tempo è rivolta ai giocatori che si competono la palla. Il portiere sta lì, a bordo campo, e nessuno si sofferma a leggere tra le righe, a riflettere che in ogni attimo della partita egli è vigile e pronto a reagire. Ogni azione osservata tra i pali, aumenta il suo livello di adrenalina, ed egli accumula energia, la sente premere sotto la sua pelle smaniosa di irrompere. Ma spesso quando la palla si dirige verso di lui, e l’occasione per potersi sfogare finalmente si presenta, deve fare i conti con una serie di situazioni avverse, come la consapevolezza che i compagni in difesa non sono disposti adeguatamente, analogamente alla foga dell’attaccante che vuole prorompere la porta. 
Così per lui agire diviene sinonimo di saldezza ed estraneità da ogni stimolo esterno. Nel momento in cui entra in gioco per difendere la porta, deve essere capace di annullare ogni pensiero, e di farsi scivolare via la paura che l’avversario possa travalicare quello spazio che lui sta presidiando con tutte le sue forze.Il suo impeto esplode comunque nell’azione rivolta a bloccare la palla, e se non ci riesce, sentire il pubblico che esulta perché è stato fatto goal, vedere gli avversari che si abbracciano confusi con i suoi compagni delusi, rappresenta per ogni portiere un elemento che disorienta ed al momento stesso distrugge, perché è come se quel mondo che metaforicamente il campo rappresenta ad averlo sbeffeggiato. Non c’è complicità per la sua desolazione, anzi spesso è acuita dalle critiche dei compagniE qui entra in gioco la persona che si nasconde dietro i guantoni ed i pantaloni imbottiti. Bisogna essere veramente forti per poter essere in grado di riprendere tutti i pezzettini di sé frantumati dal goal subito e dalle critiche, e ritrovare la motivazione giusta per rimettersi subito in gioco con entusiasmo. Il portiere ci riesce perché serba in sé una preziosa consapevolezza acquisita dalla sua esperienza: quella che ogni sogno infranto può essere riscattato. Egli vive questa emozione ogni volta che si rialza da terra dopo che la palla ha varcato quella porta che inutilmente ha tentato di difendere, ed ogni volta, in ogni caso, ha sempre il coraggio di rialzare la testa, e porsi come un leone in procinto di attaccare tra i due pali, a sbandierare la sua fierezza e la sua belligerante dignità.
Ecco da dove proviene la ragione per cui i portieri, utilizzando una metafora adeguata al business che è diventato il calcio, possono essere concepiti una merce rara. Ce ne sono pochi, perché non tutti se la sentono di rischiare se stessi e l’integrità della propria autostima mettendosi in porta. Per certi versi si sta più tranquilli al centrocampo, o in difesa o all’attacco, dove può delinearsi l’opportunità, seppure utilizzata da pochi e raramente, di evitare di farsi coinvolgere, cosa che il portiere non può fare. Lui deve parare e basta. E così tanti aspiranti calciatori, pur provando a mettersi in porta, ben presto preferiscono“giocare sotto”, dove si può scegliere ogni volta se farsi coinvolgere o no dall’azione, lasciando gestire la porta da chi, avendo coraggio da vendere, si mette in gioco in ogni caso.È quindi necessario salvaguardare di più lo stato d’animo di questa razza pregiata in via di estinzione. Il ruolo del portiere necessita più rispetto, e per garantire questo c’è bisogno di maggiore attenzione per il suo operato, da parte del contesto sportivo, dei compagni di squadra, del pubblico e dei mass media. Soppesare in modo frettoloso ciò che si osserva praticare dagli altri, rientra in un qualunquismo calcistico, che è difficile demolire, tutti si sentono capaci di suggerire alternative incompiute che avrebbero salvato il risultato, e questo atteggiamento spesso con i portieri è esaltato.Bisognerebbe far capire a chi osserva la partita che oltre a dirigere la difesa, il portiere accumula le tensioni di tutti ed è portatore della responsabilità di difendere quello che in campo si costruisce, anche quando sembra che per colpa sua il lavoro del gruppo venga distrutto.Il calcio, come ogni altra disciplina, andrebbe quindi associato ad una lettura più attenta, e parlare alla squadra spiegando che quel compagno che sta tra i pali ha un ruolo diverso, verso il quale la tolleranza deve iniziare proprio dentro l’area di gioco, può essere utile per garantire al portiere di divertirsi di più.

sabato 17 settembre 2016

Il mister deve investire sulle sue emozioni


Essere capitano della propria anima significa potersi avvalere di un equilibrio interiore tale da affrontare ogni circostanza con obiettività e senso della realtà. Significa affrontare le situazioni imprevedibili che si presentano con una saggezza immediata. Perché ci si avvale di una tale stabilità emotiva e decisionalità da muovere ogni passo con tranquilla fermezza, riuscendo ad essere assertivo di fronte agli eventi in cui ci si imbatte osteggiati dalle avversità. E al contempo ci si avvale di una flessibilità tale da trasformare il timore e la frustrazione in forza d'animo e capacità di resistere. Tutto ciò è possibile attraverso l'esercizio ostinato che ha come obbiettivo il miglioramento di se stessi.

Un mister riesce a far questo quando giunge ad essere capace di riconoscere i propri limiti, quando è in grado di apprezzare e utilizzare le sue qualità introspettive. Ciò gli concede un'oculatezza tale da renderlo lucido e obiettivo nella valutazione degli eventi e di conseguenza libero dai vincoli della vittoria finalizzata a mostrare il suo valore di tecnico, perché egli sa quale sia il suo valore e non ha la necessità di dimostrarlo.

La crescita interiore del mister diviene un boomerang che volge verso gli atleti affascinati dalla sua fermezza, rassicurati dalla sua serenità, e accolti dalla sua capacità di comprendere. È partendo dalla rete emotiva che si scatena il miglioramento degli allievi, risultato che torna come un boomerang a beneficiare il mister di soddisfazione e entusiasmo. 

Allenare non può limitarsi a impartire nozioni tecnico-tattiche. Sarebbe come imparare a leggere attraverso un vocabolario. Per far apprendere il calcio a dei giovani allievi, come per qualsiasi altra competenza, colui che allena dovrebbe avvalersi della conoscenza delle emozioni, beneficiando quindi di una competenza fondamentale per muoversi in un contesto dove le emozioni di tanti esseri umani si intrecciano. È quindi necessario che la formazione del mister si avvalga di una alfabetizzazione emotiva, proposta da questo libro, e che il mister possa conoscere ed utilizzare degli strumenti che rappresentino chiavi di lettura delle circostanze e paracaduti emotivi da utilizzare per affrontare momenti di stress e problematiche nelle relazioni con i bambini, con genitori e con i collaboratori.


Per acquistare l'ebook del libro clicca qui: